Rita Cacicca, Rosa Fazzari, Nicolina Mazzocchio, Letizia Palumbo, Adriana Vassalla

1970 – Rita Cacicca, Rosa Fazzari, Nicolina Mazzocchio, Letizia Palumbo, Adriana Vassalla – Gioia Tauro (RC)

La Freccia del Sud partito da Palermo sta andando verso nord. È il 22 luglio e ci sono a bordo oltre 200 persone. All’altezza di Gioia Tauro, il treno deraglia. Il caso viene liquidato: si tratta di un incidente. Eppure i sospetti che possa essersi trattato di un attentato ci sono da subito e le incongruenze nelle indagini sono molte. Muoiono sei persone. Cinque sono donne: Rita Cacicca, Rosa Fazzari, Nicolina Mazzocchio, Letizia Palumbo, Adriana Vassalla. I feriti sono 72. Il caso resta chiuso fino al 1993. Quell’anno il pentito della ‘ndrangheta di Reggio Calabria Giacomo Ubaldo Lauro rivela che si è trattato di un attentato stragista, la cui responsabilità è da attribuire alla ‘ndrangheta e alla destra eversiva. Il 5 luglio 2007 la Cassazione mette il punto sulla vicenda, confermando che la ricostruzione di Lauro è veritiera. I cinque “anarchici della Baracca” avevano scoperto  tali retroscena e sono stati uccisi per questo motivo.